INTERIOR DESIGN MAGAZINE

LA MAGIA DEI TRULLI IN PUGLIA: INCONTRO TRA TRADIZIONE E DESIGN
, / 747 0 0

LA MAGIA DEI TRULLI IN PUGLIA: INCONTRO TRA TRADIZIONE E DESIGN

SHARE

Questo articolo è disponibile anche in: Inglese

L’Italia è un paese ricco di tipicità di carattere storico, artistico e gastronomico, ogni regione rappresenta un vero e proprio mondo da scoprire in grado di regalare infinite sorprese a un viaggiatore in esplorazione.

Gli insediamenti di trulli nel Sud del paese, ad esempio, sono una vera rarità architettonica in grado di raccontare una storia antica e unica nel suo genere.

Di forma conica, realizzati in pietra con la tecnica a secco, venivano generalmente utilizzati come ricoveri temporanei nelle campagne o come abitazioni per gli agricoltori fin dal XVII secolo; sono tipici della Puglia e in particolare della regione della regione delle Murge.

La loro storia e la loro particolarità ha consentito che venissero dichiarati nel 1996 Patrimonio dell’Unesco.

Dal punto di vista tecnico, il largo spessore delle pareti perimetrali consente una maggiore libertà nella disposizione interna tanto da generare un ambiente unico o con modeste partizioni, generalmente disposto su un solo livello.

Negli anni recenti attorno a questi edifici è nato un particolare interesse soprattutto nell’ottica di una riconversione a residenze e spazi ricettivi moderni e legati alla tradizione al tempo stesso.

Tutti i progetti degni di nota, quindi, prevedono una ristrutturazione “light” degli esterni, mirata alla conservazione dell’esistente e al ripristino delle parti ammalorate o distrutte dal tempo, adottando una revisione attenta ai dettagli dell’interno mediante l’utilizzo di materiali naturali (pietra, legno, marmo) o che ne richiamano l’effetto materico (resina e cemento con colori sabbia, e grigio).

Arch. Zanaroli – Trullo saraceno, Ostuni

Gli stessi arredi, i tessuti e i complementi si integrano alla perfezione con il disegno degli interni, lino, cotone, canapa, legno, materiali dai colori neutri utilizzati con parsimonia mirando a mantenere il concetto minimal e “povero” dell’ambiente.

Trullo della Lavanda

Trullo della Lavanda

Un particolare esempio che riguarda non un singolo trullo ma un complesso di questi è l’intervento realizzato dallo studio degli Architetti Aldo Flore e Rosanna Venezia in valle d’Itria dove è sorto Borgo Canonica luxury hotel.

Borgo Canonica era un piccolo villaggio di agricoltori che negli anni 60 è stato definitivamente abbandonato dagli ultimi abitanti. Il tempo e la natura hanno mutato questo luogo fino a farlo quasi scomparire tra il verde e le rocce.

Grazie a questo intervento questo luogo magico ha rivisto la luce riconvertendosi come spazio ricettivo completamente coerente con l’esistente e con l’ambiente circostante. L’accento è stato posto oltre che sul restauro delle strutture anche sui percorsi e le attrezzature comuni posti a coronamento dei singoli edifici.

Borgo Canonica ante intervento

 

Vista globale

 

Vista esterna

L’unico elemento “nuovo” in superficie è rappresentato dallo spazio della piscina, anch’essa pienamente integrata nella conformazione del terreno circostante.

La SPA invece è completamente interrata per non rappresentare un elemento di contrasto con il contesto.

Piscina

Che dirvi quindi se non suggerirvi caldamente di soggiornare in uno di questi incantevoli spazi dove avrete la possibilità di immergervi nell’atmosfera tipica del Sud Italia. Lasciatevi coccolare dal mare, dal sole e dall’ottimo cibo, il tutto in una cornice architettonica di tutto rispetto.

Cover Image Borgo Canonica Luxury Hotel

courtesy of http://www.arkitetti.it

 

 

 

 

 

Leave A Reply

Your email address will not be published.